Luce e genetica riaccendono in parte vista di un uomo

0
159

Da circa 40 anni aveva perso la vista a causa della retinite pigmentosa, malattia genetica degenerativa dell’occhio. Ora a 58 anni è riuscito a recuperare parte della vista e contare, identificare e toccare degli oggetti grazie all’optogenetica, la tecnica che utilizza impulsi di luce per controllare l’attività  delle cellule, in precedenza modificate per rispondere agli stimoli luminosi. Il caso, uno dei primi in cui questa tecnica viene usata nell’uomo, è descritto sulla rivista Nature Medicine dal gruppo dell’Università di Pittsburgh, guidato da Jose’  Sahel e Botond Roska.

L’articolo completo su www.popsci.it