Scoperta una nuova fuga immunitaria studiando la variante Alfa

0
186

Anche la prima nuova variante di SARS-CoV-2, chiamata B.1.1.7 o, in seguito, variante Alfa, si è diffusa più efficacemente perché sfuggiva al sistema immunitario umano. Tuttavia, a differenza delle successive “varianti di fuga”, non erano le mutazioni nella proteina spike le responsabili del fenomeno, riferisce un gruppo guidato da Lucy G. Thorne dello University College London. Questo perché i cambiamenti decisivi non sono diretti contro gli anticorpi, ma contro un altro componente della difesa dell’organismo. Come scrive ora il gruppo sulla rivista “Nature”, i cambiamenti cruciali hanno interessato tre geni che attenuano i segnali di allarme essenziali della risposta immunitaria innata.

L’articolo completo su www.lescienze.it