I musei celebrano la “Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza”. Al Muse di Trento l’impegno e l’attenzione verso la parità di genere

0
349
foto: @Wavebreakmedia depositphotos

Sabato 11 febbraio si festeggia l’ottava edizione della Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza. Istituita dalle Nazioni Unite, questa speciale ricorrenza è stata pensata con lo scopo di riconoscere il ruolo fondamentale del gentil sesso nella scienza e nella tecnologia e di sensibilizzare sull’uguaglianza di genere in quel determinaro settore. Ora, per celebrare tale importante ricorrenza, Booking.com ha scelto di condividere cinque musei che sostengono le donne nella scienza e ispirano le future scienziate e studentesse delle discipline STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica).

In base ad una ricerca sulle previsioni di viaggio per il 2023, commissionata da Booking.com e condotta su un campione di adulti che intendono viaggiare per svago o lavoro nei prossimi 12-24 mesi, è emerso che il 74% dei viaggiatori italiani sostiene di voler esplorare il mondo per seguire le proprie passioni e aspirazioni. La visita a un museo straordinario contribuisce a questo cambiamento sociale. Dai musei visionari di Trento e Dubai alle mostre immersive di San Francisco e Amsterdam, questi luoghi rappresentano una grande fonte di ispirazione e di incoraggiamento per tutto il mondo.

Premiata come la regione più accogliente a livello nazionale dal Traveller Review Awards 2023 di Booking.com, il Trentino-Alto Adige ospita il Muse (Museo delle Scienze) uno dei più moderni musei dedicati alla scienza realizzato da Renzo Piano. Nel suo percorso espositivo, che parte dalla terrazza e dal quarto piano, per poi scendere sino al piano interrato ed alla serra tropicale, gli oggetti in mostra sono “sospesi” con un effetto scenico particolare, accompagnato dagli effetti sonori.

Si inizia con l’argomento “Sole e Ghiaccio“, per poi passare all’approfondimento dei temi legati a biodiversità, sostenibilità ed evoluzione, arrivando fino al piano interrato dove si trovano i reperti fossili che consentono di capire il viaggio dell’uomo sul pianeta Terra e la meravigliosa serra tropicale.

A coronamento dell’importanza del polo museale trentino, l’impegno e l’attenzione verso la parità di genere: lo staff del museo è composto da 228 persone, di cui il 58% sono donne. Tra loro spicca Lucia Martinelli, ricercatrice senior, componente del direttivo dell’Associazione Italiana Donne e Scienza e presidente della Piattaforma Europea delle Donne Scienziate (EPWS). Inaugurato nel 2013, quest’anno il Muse si prepara a festeggiare i suoi primi 10 anni con tante novità, eventi e una grande festa in programma il 22 luglio 2023.

Fonte news: Booking.com