Covid-19, uno sguardo di genere

0
118

Sin dalle prime fasi della pandemia ci si è accorti che per gli uomini ammalarsi di Covid-19 comporta rischi maggiori rispetto alle donne. Ne avevamo parlato già nel marzo scorso sul nostro giornale analizzando insieme all’immunologa Antonella Viola i primi dati che iniziavano ad emergere e le possibili spiegazioni. Ci trovavamo nel momento iniziale dell’emergenza e molti aspetti del virus SARS-CoV-2 erano ancora poco conosciuti. Tuttavia, cominciava ad apparire in modo chiaro che le differenze di genere possono avere un ruolo significativo nel decorso clinico dell’infezione e che gli uomini hanno una maggiore probabilità di sviluppare forme gravi e di non superare la malattia. La conferma è poi arrivata con il trascorrere dei mesi quando i dati provenienti da ogni parte del mondo hanno mostrato che, a parte rare eccezioni, tra le donne il contagio evolve più raramente in un decorso clinico severo.

L’articolo completo su ilbolive.unipd.it