«Gli animali mutanti»: così l’aumento delle temperature sta modificando forma e dimensione di molte specie

0
251

I pappagalli australiani hanno oggi il becco più grande rispetto ai loro antenati oltre un secolo fa. Le ali dei pipistrelli sono cresciute dell’1 per cento dagli anni ‘50. E ai toporagni si è allungata la coda. Non si tratta, però, degli unici animali ad aver cambiato forma e dimensione nel corso dei decenni. Il motivo? Fa più caldo e gli animali si adattano. L’aumento delle temperature medie globali sta influenzando — infatti — non solo le loro abitudini comportamentali o alimentari, ma anche la loro «fisicità».

L’articolo completo su www.corriere.it