Resoconto dell’incontro tra la Delegazione ONB del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige
e l’Assessore a Sanità Servizi Sociali Programmazione Socio-Sanitaria Dott.ssa Manuela Lanzarin della Regione Veneto, del 25/01/22

0
186

A seguito della richiesta di incontro inviata in via formale lo scorso 15 dicembre 2021, i vicedelegati ONB Devis Casetta e Giovanni Gasparetto hanno avuto una riunione in videoconferenza con l’Assessore della Regione Veneto Dott.ssa Lanzarin, il 25 gennaio 2022. 

È stata presentata la Delegazione, la cui sede è a Padova ed è stata inaugurata il 02 luglio 2021. Viene spiegato che ad oggi l’Ordine dei Biologi è di carattere Nazionale, ma che entro la fine dell’anno 2022 verrà costituito un Ordine su base territoriale, motivo per il quale la Delegazione ha necessità di relazionarsi con gli Enti Pubblici sui diversi aspetti che riguardano la figura e la professione del Biologo.

Viene evidenzia la disponibilità dei Biologi per quanto concerne l’esecuzione dei tamponi e l’inoculazione dei vaccini, nonché per quanto riguarda la parte diagnostica e gli aspetti di sicurezza alimentare. Così, se la Regione Veneto volesse coordinarsi con l’Ordine dei Biologi, così come è avvenuto per gli altri Ordini delle Professioni Sanitarie, la Delegazione è a disposizione per il reclutamento del personale. 

Per quanto concerne la partecipazione alla campagna vaccinale, viene spiegato che, nonostante i diversi interpelli la Delegazione non è riuscita ad interloquire con il Dipartimento di Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria della Regione Veneto. Per questo motivo non si è riusciti a raggiungere un accordo formale per permettere ai Biologi di proporsi come vaccinatori, così come non si è riusciti ad ottenere la chiave di accesso per il corso FAD, erogato dall’ISS, per la formazione rispetto all’inoculazione. Diversamente da quanto avvenuto con la Regione Veneto, la Delegazione ha stipulato una convenzione con la Provincia Autonoma di Trento e con la Provincia Autonoma di Bolzano. 

Vengono menzionate inoltre le problematiche scaturite dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale delle nuove Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione ospedaliera, assistenziale e scolastica, su cui ci si vorrebbe confrontare anche a livello Regionale.

L’Assessore Dott.ssa Lanzarin prende la parola, ricordando il protocollo stilato dal Ministero, argomentando il fatto che nel momento di inizio della “vaccinazione di massa” e dellasottoscrizione dei vari protocolli con gli Ordini delle professioni sanitarie, la Regione Veneto può aver perso qualche passaggio, in riferimento al coinvolgimento dell’Ordine Nazionale dei Biologi, sia per la campagna vaccinale che per l’attività relativa ai tamponi. L’Assessore si attiverà per le eventuali necessità di incremento di personale per l’effettuazione di tamponi antigenici e per il coinvolgimento degli iscritti all’Ordine appartenenti alla realtà regionale. Ritiene importante la collaborazione con la figura professionale del Biologo, anche alla luce del fatto che la Regione Veneto è in fase di predisposizione del nuovo Piano di Prevenzione 2022-2025. Verrà portata all’attenzione della Dott.ssa Russo del Dipartimento di Prevenzione, la disponibilità della Delegazione dell’Ordine, per un confronto ufficiale con la parte tecnica regionale e per comprendere su quali tavoli di lavoro si possa collaborare, valorizzando le competenze dei Biologi.